Il personaggio – Dan Brown

Dan Brown, famoso in tutto il mondo per aver scritto diversi romanzi di successo come “Il codice Da Vinci” o “Angeli e Demoni”, ha un’abitudine che chiunque lavori tanto tempo al computer dovrebbe fare sua. Ogni ora, infatti, Brown interrompe il suo lavoro e si dedica – per qualche minuto – alla ginnastica, facendo stretching, flessioni e allungamenti. La cosa particolare è che per capire quando è arrivato il momento di una pausa Brown non imposta l’allarme sul cellulare ma si affida a un metodo più romantico e nostalgico: una clessidra.

Vita da editor #1

Conoscendo molti autori esordienti mi è capitato spesso di imbattermi in questa domanda. Alcuni di voi potranno ritenere questo dubbio sciocco ma vi assicuro che tanti scrittori hanno il vero proprio terrore che la propria opera possa venire rubata. La loro paura è data, principalmente, dalla scarsa conoscenza del mondo editoriale perché – siamo onesti – quale professionista si impossesserebbe con l’inganno dell’opera di un cliente? A che pro?
In ogni caso, per tranquillizzare chi avesse dei dubbi, credo sia giusto dirvi che prima di iniziare una qualsiasi collaborazione mi impegno a redigere un accordo commerciale dove sottolineo i punti salienti del rapporto lavorativo tra me e il mio cliente tra cui, ovviamente, quelli riguardanti la privacy e la non divulgazione dell’opera che mi viene affidata.
Non vi basta? Allora vi do un consiglio extra: prima di inviare a un editor o a qualsiasi casa editrice il vostro romanzo potete mandarvelo via mail, possibilmente prediligendo una pec. In questo modo farà fede la data di ricezione del vostro manoscritto e voi avrete la prova dimostrabile che i primi ad avere avuto accesso al testo finito siete stati voi, in quanto proprietari dell’opera.

Un percorso narrativo credibile

Sfogliando il libro L’arte dell’editing di Anna De Santo, mi sono imbattuta in questa affermazione: “Il vero problema di riuscire a costruire un percorso narrativo logico e credibile non sta nelle macro-sezioni che compongono un racconto o un romanzo, quanto piuttosto nei micro-elementi creati con il divenire della storia e che possono essere dimenticati nel proseguo del lavoro da uno scrittore senza esperienza.”
Sembra un’ovvietà ma mi è capitato più volte di valutare romanzi dove qualcosa non era andato per il verso giusto proprio perché l’autore, preso dalla stesura del proprio libro, si era dimenticato particolari ‘banali’ che, però, creavano dei buchi nel flusso narrativo della storia.

Il personaggio – Alexandre Dumas

Si narra che Dumas, autore del celeberrimo libro I tre moschettieri, avesse una particolare abitudine. A seconda del genere letterario che doveva affrontare, era solito utilizzare fogli di colore diverso per prendere appunti. Un esempio? Per le poesie prediligeva il colore giallo, mentre per i romanzi l’azzurro!

La moglie imperfetta – B. A. Paris

La protagonista di questo romanzo è Cassie, una giovane donna alla quale la vita sembra sorridere. Ha un buon lavoro, un marito che la ama, un’amica insostituibile e vive in una splendida casa immersa nel verde.

Una sera, mentre sta tornando da una festa durante una violenta tempesta, vede una macchina con i fari accesi accostata in una piazzola di sosta. Trovandosi in una stradina buia e isolata, Cassie non se la sente di sfidare l’acquazzone per andare a vedere se la persona dentro l’auto ha bisogno di aiuto. Quindi torna a casa e, il giorno dopo, quasi non si ricorda più di quell’episodio. Quando, però, al telegiornale dicono che è stata trovata una donna uccisa proprio su quella stessa strada, Cass capisce che non può essere una coincidenza. La situazione si fa ancora più inquietante quando scopre che lei, quella donna, la conosceva.

Da quel momento la sua vita, fino ad allora tranquilla e serena, precipita in un lento ma inesorabile declino. La protagonista è convinta che l’assassino l’abbia vista e riconosciuta e che sia proprio lui a tormentarla con delle strane chiamate anonime che sono iniziate proprio poco dopo quella notte. Inoltre la giovane comincia ad accusare strani vuoti di memoria, che la spingono a credere di soffrire di demenza precoce come sua madre. Per fortuna Cassie non è sola e sa di poter sempre contare sull’appoggio del suo amorevole marito e della sua migliore amica…

🔸️Cosa ne penso: ho trovato questo libro per caso e ne sono rimasta affascinata leggendo la trama. Non conoscevo questa autrice e, dopo qualche attimo titubanza, ho deciso di darle un’opportunità, soprattutto dopo aver letto la prima pagina del romanzo e aver intuito che il suo stile narrativo poteva fare al caso mio. Ho trovato una scrittura fluida, scorrevole e mai noiosa che è riuscita a catturarmi sin da subito e che mi ha portata a divorare pagine su pagine, fino a tarda notte. Nonostante durante il giorno mi sia dedicata ai diversi libri dei miei clienti, la sera sentivo forte la voglia di ritagliare un po’ di tempo per scoprire come proseguiva la storia. Quello che succede alla protagonista è un susseguirsi inesorabile di eventi strani e spiacevoli. L’autrice riesce a far capire al lettore cosa passa per la testa di Cassie – terrore, smarrimento, vergogna – e lo accompagna in punta di piedi dentro il dramma che la donna sta vivendo. E quando sembra che nulla potrà più tornare come prima e che per lei si prospetti un’esistenza misera, imbottita di psicofarmaci e allontanata da tutti per le sue crisi paranoiche, ecco che il destino decide di aiutarla. Sarà da quel momento che si renderà conto che le cose non sono come le hanno voluto far credere e inizierà a mettere i tasselli di un puzzle assurdo, fino ad arrivare a una verità sconcertante. Lo consiglio a tutti gli amanti dei thriller, mi è piaciuto moltissimo!

Segnalazione – Come la marea di Roberta La Corte


Titolo: Come la marea

Autore: Roberta La Corte
Genere: Narrativa moderna

Casa editrice: Rossini editore

Prezzo: 13,99 €

Trama: “Ho sempre pensato che la vita potesse essere semplice e lineare. Invece ero seduta su un gelido gradino in marmo, con le mani che coprivano gli occhi e nascondevano le lacrime amare che scendevano da quelle cavità.”

Ginevra aveva solo quindici anni quando le pesanti mani di Tom lasciarono per la prima volta dei lividi sulla sua pelle. Incurante dei segnali che quella tra lei e Tom fosse una relazione malsana, Ginevra si crogiolava nell’idea che il loro fosse un vero amore. Ma chi lascia segni sulla pelle e sul cuore, non merita di essere amato. Ben presto Ginevra scoprirà la verità su quel ragazzo, che altro non era che un bugiardo. Lontano da lui, inizierà a respirare e a scoprire cosa vuol dire essere liberi dalle catene della possessione. Incontrerà Alex, un ragazzo dai capelli ricci che le farà provare nuove emozioni e nuovi brividi. Tuttavia, il passato ritornerà a tormentare e sconvolgere il già precario equilibrio della ragazza. Cosa sarà disposta a sopportare Ginevra?

Il grand tour di Nancy Moon – Sarah Steele

La protagonista di questo romanzo è Florence la quale, dopo il funerale della sua amata nonna, si ritrova a trascorrere qualche ora da sola nella casa dell’anziana signora. È così che, per caso, si imbatte in una scatola conservata con cura all’interno di un armadio, quasi a volerla nascondere per non rovinare il suo prezioso contenuto. Al suo interno Florence trova dei cartamodelli, degli scampoli di tessuto e alcune fotografie. La ragazza immortalata in quelle vecchie foto le è estranea e quando chiede informazioni alle migliori amiche di sua nonna, presenti in quelle stesse foto, tutte le danno risposte molto evasive. Incuriosita da questo strano atteggiamento, la donna decide di mettersi alla ricerca di quella ragazza misteriosa. Questo la porterà a fare un lungo viaggio in giro per l’Europa e dentro se stessa. Prendendo spunto dai cartamodelli e dalle foto trovate nella scatola Florence decide di rispolverare una sua vecchia passione: il cucito. Ed è così che, giorno dopo giorno, la donna riesce a dare vita a quegli abiti meravigliosi sospesi nel tempo. E in compagnia di quei vestiti e del volto di quella giovane sconosciuta, Florence inizia a girare l’Europa andando negli stessi luoghi immortalati nelle fotografie. Il viaggio, iniziato in modo rocambolesco e con poche pretese di riuscita, alla fine la porterà a fare delle scoperte incredibili e a darle la forza per capire che, anche quando tutto sembra perduto, c’è sempre un motivo per non arrendersi.
Ho apprezzato l’idea originale di accostare, in ogni capitolo, le avventure vissute da Nancy (questo è il nome della ragazza misteriosa) negli anni Cinquanta a quelle vissute da Florence, negli stessi posti e con gli stessi abiti, ai giorni nostri. In alcune parti l’ho trovato un po’ lento, ma non so nemmeno io il perché: le pagine sono molte (quasi quattrocento) ma effettivamente scorrono bene, la trama è ben strutturata e coinvolge il lettore. Ma, forse, mi è mancata quella spinta in più, quella cosa che mi facesse venire voglia di scoprire il prima possibile come proseguisse la storia.

⭐⭐⭐/5

Errori grammaticali comuni – Li o lì?

🔸️Li, senza accento, è un pronome maschile plurale usato come complemento oggetto.
Esempio:
Li vedi spesso quei tuoi amici?
I biglietti del treno andrà a comprarli Teresa.

🔸️Lì, con l’accento grafico, è un avverbio di luogo che indica un punto non molto lontano rispetto a chi sta parlando.
Esempio:
Cerca lì il mio libro.
Il gatto è proprio lì.

Segnalazione – Giocarsi tutto di Marina Lora Ronco

Titolo: Giocarsi tutto

Autore: Marina Lora Ronco

Genere: Narrativa contemporanea

Editore: self

Quarta di copertina

“Il vostro è un grande amore e questa è un’opportunità. Un nuovo inizio, senza spettri e fantasmi. Senza inganni o sensi di colpa divoranti. Senza casse da morto nello stomaco.”

L’amore a volte rende ciechi, distorce la realtà. E tra Margherita e Riccardo è amore vero, di quelli che capitano una volta e soltanto ai più fortunati. La loro vita è perfetta, hanno entrambi un bel lavoro, vivono in un moderno appartamento nel cuore di Milano, e hanno due splendide figlie.
Poi, a un tratto, un’ombra insidiosa cala sulle loro vite, un vero e prorprio tornado che spazzerà via ogni cosa, minaccerà il loro amore e farà vacillare ogni certezza.
Per la prima volta Margherita guarderà in faccia la realtà: come si può arrivare a tanto? Accettare l’inaccettabile, fingere di non vedere e raccontarsi un mucchio di bugie? Queste le domande di fronte alla sconcertante verità che fino a quel momento non aveva avuto il coraggio di affrontare.
Margherita, donna, moglie, madre, lotterà per tenere unita la propria famiglia.
Riccardo, annientato dal dolore e dai sensi di colpa, affronterà con coraggio i suoi demoni attraverso un viaggio straordinario che lo condurrà al centro di sé.
Quaranta giorni durante i quali i protagonisti vivranno vite separate ma parallele per riuscire a salvare il loro progetto di vita.
Un storia forte, scomoda, a tratti dolorosa, ma proprio per questo vera, spietata, raccontata senza pietismo, né retorica.
I due protagonisti metteranno in gioco il proprio cuore, giocandosi tutto.
E “Giocarsi Tutto” diviene così una bellissima dichiarazione d’amore.

Biografia dell’autrice

Marina Lora Ronco è nata a Milano, dove vive e lavora. Laureata presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore, appassionata lettrice, divide il suo tempo tra la famiglia, un lavoro nel campo dell’organizzazione di eventi e l’amore per la scrittura, che coltiva da sempre.