Segnalazione – Requiem di Marco Abbagnara

Titolo: Requiem

Autore: Marco Abbagnara

Genere: Thriller

Editore: PlaceBook

Prezzo: 15 € (cartaceo) 4,90 € (digitale)

Qual è il confine tra il bene e il male? A New York spariscono degli uomini, violenti e vendicativi. Perché? Chi li ha presi? Che fine hanno fatto? La bellissima Contessa Lucrezia Montecadì, magnate dell’arte e imprenditrice di successo a livello internazionale, si adopera per salvare vite umane attraverso le sua industria farmaceutica, la Radesa. Fonda un’associazione no-profit per donne maltrattate, le fa difendere in tribunale, le sostiene economicamente e le aiuta e reinserirsi nella cosiddetta vita normale. Una vera benefattrice. Ma cosa nasconde nel suo container giallo?

Se scorre il sangue – Stephen King

81rvSjXixYL

Titolo: Se scorre il sangue

Autore: Stephen King

Casa editrice: Sperling & Kupfer

Genere: Horror

Prezzo: 21 € (cartaceo) 15,99 € (versione digitale)

Buongiorno lettori! Oggi voglio parlarvi di Se scorre il sangue, l’ultimo libro nato dalla penna del meraviglioso Stephen King. Personalmente, ho un apprezzamento particolare per questo autore e, se sbriciate un po’ sul mio blog, potrete intuirlo dal numero spropositato di recensioni che ho scritto sui suoi libri!

In questa raccolta, troviamo quattro racconti brevi: Il telefono del signor Harrington, La vita di Chuck, Se scorre il sangue e Il Ratto.

IL TELEFONO DEL SIGNOR HARRINGTON: il protagonista di questo racconto è Craig, un ragazzino con la passione per la lettura che viene ingaggiato da un anziano signore, l’Harrington che dà il nome al racconto, perché gli legga ogni settimana qualche capitolo di un libro. L’anziano, seppur non abituato a smancerie e esternazioni affettuose, è legato a Craig e tutti gli anni, in occasione delle festività, invia al ragazzo un gratta e vinci. Dopo averne grattati parecchi, finalmente il giovane vince il montepremi, di ben 3000 dollari.
Siamo verso la fine degli anni ’90: il papà di Craig, dopo mesi di richieste andate a vuoto, gli regala finalmente un IPhone, il primo uscito sul mercato. Il ragazzo è felicissimo e, avendo vinto quella somma, decide di fare un regalo speciale al suo vecchio amico; così decide di presentarsi al consueto appuntamento con un nuovo IPhone anche per lui. All’inizio titubante, l’anziano accetta poi di buon grado il regalo e si rivela molto più portato per la tecnologia di quanto pensasse. Quando il signor Harrington muore, Craig è molto triste e, al momento dell’ultimo saluto, decide di mettere nella bara del vecchio il cellulare che gli aveva donato.
Questo gesto renderà i due legati per sempre, oltre le soglie della Vita e della Morte.

pexels-photo-788946.jpeg

Photo by Jess Bailey on Pexels.com

LA VITA DI CHUCK: dopo anni trascorsi a ignorare gli avvertimenti provenienti da esperti e scienziati è successo l’inevitabile. Il mondo è prossimo alla fine. Il processo, diversamente da quanto era dato pensare, è stato rapidissimo: nel giro di poco più di un anno tutto il pianeta ha cominciato a collassare su se stesso. Intere nazioni sono state inghiottite dall’oceano, le api non esistono più – dopo essere state sterminate dalle pessime abitudini degli uomini – e non ci sono più a disposizione campi da coltivare. Man mano che questo decadimento va avanti, il protagonista del primo atto del racconto, Marty, inizia a notare in giro per la città dei cartelloni mai visti prima: sopra di essi c’è la foto di un uomo elegante e sorridente accompagnata dalla scritta “Charles Kranz. 39 splendidi anni! Grazie, Chuck!” All’inizio Marty non ci fa caso: gli sembra un cartellone bizzarro ma nulla di più. La cosa comincia a diventare inquietante quando la faccia di Chuck e il solito messaggio di accompagnamento iniziano ad apparire ovunque: su Netflix, alla radio, addirittura nel messaggio creato da un aeroplano nel cielo. Mentre la presenza di Chuck diventa sempre più angosciante e opprimente, internet improvvisamente smette di funzionare. Le città, rimaste buie dopo l’ultimo black out, si aprono in voragini spaventose, mentre le stelle iniziano a spegnersi una dopo l’altra.
La fine è arrivata. Questo Charles Kranz c’entrerà qualcosa?

pexels-photo-2371910.jpeg

Photo by Athena on Pexels.com

SE SCORRE IL SANGUE: siamo a fine 2020. Durante una fredda mattinata di dicembre, un corriere consegna un pacco anonimo alla segretaria di una scuola media; l’involucro è piuttosto piccolo e leggero. Riflettendoci un po’ su, la donna capisce che, molto probabilmente, è un dono natalizio fatto agli alunni della sua scuola da parte di una scolaresca di Edimburgo, con la quale è in corso uno scambio culturale.

Purtroppo, la sua intuizione si rivelerà sbagliata: poche ore dopo, la scuola viene distrutta a causa della bomba che era contenuta in quel pacco. L’ordigno lacera l’edificio come se fosse fatto di carta. Il numero di dispersi, morti e feriti è altissimo e il capannello di giornalisti e tv locali, accalcati lì intorno, non accenna a disperdersi.

Ad indagare sul mandante di questo efferato atto terroristico sarà Holly, detective che i lettori di King hanno conosciuto già in The Outsider e Mr Mercedes.

pexels-photo-3298040.jpeg

Photo by Lucie Liz on Pexels.com

IL RATTO: in questo racconto ritorna il tema ricorrente che gli appassionati di King hanno trovato in molte sue opere. Infatti, come in Shining, Misery o Finestra Segreta, Giardino segreto (clicca qui per la recensione), anche in questo racconto il protagonista è uno scrittore, in preda allo sconforto per non riuscire più a produrre, da tempo, opere di qualità.
Le cose iniziano a cambiare quando Dewey, mentre sta facendo una passeggiata solitaria, ha una vera e propria epifania: il suo prossimo romanzo sarà a tema western; nella sua mente la trama e i personaggi sono così ben delineati che a sentire lui “sembrerà di scrivere sotto dettatura”. Per potersi concentrare meglio, e per lavorare in un posto tranquillo, decide di trasferirsi – momentaneamente – nella casa sul lago che gli ha lasciato il padre in eredità. I primi giorni tutto scorre tranquillo, le idee non gli mancano e riesce a trascriverle su carta senza problemi… “addirittura diciotto pagine in un giorno!”.
Dopo qualche tempo, però, l’uomo si ammala e, complice una brutta febbre, la produzione del libro inizia a rallentare… non è che gli mancano le parole, al contrario, gliene vengono troppe e lui non sa quali scegliere.
In suo aiuto arriverà un ratto, riconoscente a Dewey perché l’ha salvato durante un temporale. Ma se vuole una mano, dovrà dargli qualcosa in cambio…

pexels-photo-658164.jpeg

Photo by freestocks.org on Pexels.com

Ho una particolare prelidizione per i racconti brevi di King: mi tengono incollata alle pagine ancora di più di quanto facciano i suoi romanzi. In questa raccolta, ho trovato uno scrittore più maturo rispetto a molti dei suoi libri precedenti. Inoltre, non ho potuto fare a meno di notare quanto le sue parole sembrino pervase da una malinconia quasi romantica.

I racconti sono tutti di qualità, il suo stile brillante, che unisce inquietudine e ironia, è inconfondibile. Personalmente, quello che mi ha convinta un po’ di meno è stato Se scorre il sangue, mentre gli altri tre mi sono piaciuti molto!

A proposito di refusi, voglio farvene notare due, che ho trovato a pagina 93 de Il telefono del signor Harrington e a pagina 194 in Se scorre il sangue.

Il telefono del signor Harrington

Se scorre il sangue

In ogni caso la mia valutazione è più che buona.

Valutazione: ★★★

Ve lo consiglio!

Manu

Iniziativa “Leggi per me”

 

leggiperme

Qualche giorno fa mi sono imbattuta, per caso, in un post su Facebook che parlava di un’iniziativa molto interessante pensata dall’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti. Questo progetto, chiamato Leggi per me è dedicato a tutti gli amanti della lettura che, purtroppo, non possono permettersi di leggere quanto e come vorrebbero: sto parlando delle persone con deficit visivi.

pexels-photo-1286115.jpeg

Photo by Suzy Hazelwood on Pexels.com

Amando moltissimo leggere, ho pensato a quanto sarebbe brutto se, da un giorno all’altro, non potessi più farlo. La lettura è una compagna di vita sempre presente, tanto discreta quanto insostituibile. Ho deciso, quindi, di partecipare anch’io a questa iniziativa, che scadrà il 15 giugno.

Le regole, che trovate spiegato in modo esauriente cliccando su questo sito Iniziativa “Leggi per me” , sono poche e molto semplici. In pratica, bisogna creare un file audio, va benissimo una semplice traccia audio registrata dal vostro smartphone, della durata di 10 minuti, dove all’inizio si dicono titolo, autore ed editore del libro che avete deciso di leggere. Una volta finito mandate tutto alla mail che trovate nel link che ho postato in questo articolo.

Un piccolo gesto che fa bene al cuore!

Manu

Topi – Gordon Reece

           51D0VY55cGL._SX323_BO1,204,203,200_

Autore: Gordon Reece

Titolo: Topi

Editore: Giunti

Genere: Thriller

Prezzo: 4,99 euro (versione ebook) 5,90 euro (versione cartacea)

Insieme alle ferite fisiche, guarivano anche quelle psicologiche. La morsa dei ricordi si fece sempre più debole. Non cessarono mai del tutto ma diventarono meno frequenti. Era come se la mia mente avesse poco a poco cominciato ad assorbire, ad accettare quello che era successo.

Topi che danno il titolo a questo romanzo sono la giovane Shelley e sua madre. Le due donne hanno vissuto la loro intera esistenza vessate dai vari personaggi che le hanno accompagnate durante gli anni, alcuni da protagonisti, altri con il solo ruolo di comparse. Il padre della ragazza, che ha tradito e lasciato la moglie per avventurarsi in una nuova vita con una giovanissima amante; i colleghi della madre, sempre pronti ad affibbiarle gli incarichi più faticosi e impegnativi; le amiche di Shelley che da confidenti e sorelle si sono trasformate in ragazze violente e spietate, mandanti di atti di bullismo sempre più gravi e disumani, fino ad arrivare a mandarle a fuoco i capelli ustionando così alla malcapitata buona parte del viso.

Per fuggire alle grinfie del mondo, tanto crudele e ingiusto, madre e figlia, da bravi topi, decidono di trasferirsi in una villetta di campagna isolata e tranquilla. Esattamente il posto che fa per loro. In fondo sono topi e i topi hanno bisogno di un nascondiglio per sottrarsi agli artigli dei gatti. Tutto procede nel migliore dei modi, madre e figlia sono riuscite a costruire una loro personalissima routine quotidiana e si sentono felici e sicure.

Una notte, però, Shelley si sveglia per un rumore improvviso e si rende conto che qualcuno è entrato in casa. Un tossico, in preda ai fumi dell’alcool e di chissà quali sostanze, ha fatto irruzione nella loro villa ed è intenzionato a rubare quante più cose possibili. Qualcosa scatta nella mente della giovane la quale decide che è arrivato il momento di smettere di subire, di essere topi: riesce a liberarsi dalla corda con la quale il ladro l’ha legata e passa all’azione, attaccandolo. La lotta calzante e sanguinosa finisce quando l’uomo, ormai privo di forze, viene colpito alla testa dalla madre di Shelley. Le due donne, sconvolte e scioccate si guardano e capiscono che l’unica soluzione è nascondere il cadavere. Da quel momento tutto prende una piega diversa e porta il lettore ad addentrarsi dentro una foresta inesplorata e spaventosa: la mente umana. Quando una persona che ha subito per tutta la vita capisce che è arrivato il momento di fare cambiare le cose, passando dal ruolo di vittima a quello di carnefice, quanto in là sarà capace di spingersi per mantenere pulita la propria reputazione?

CURIOSITÀ

Topi, romanzo coinvolgente ed appassionante, è il libro d’esordio di Gordon Reece. Come è giusto che sia ha avuto un successo di vendite clamoroso ed è stato subito venduto e tradotto in dodici Paesi.

Valutazione: ★★★

Manu