Agatha Raisin e la casa infestata – M.C. Beaton

piattaBeaton14

Titolo: Agatha Raisin e la casa infestata

Autore: M.C. Beaton

Editore: Astoria Edizioni

Genere: Giallo

Prezzo: 16 € (cartaceo) 8,99€ (versione digitale)

Buongiorno lettori! Oggi a tenerci compagnia sarà uno dei libri della saga di Agatha Raisin, saga che, per fortuna, non accenna a finire! Questo in particolare è il quattordicesimo libro della serie  di successo ormai conosciuta in tutto il mondo (romanzo preceduto da “Agatha Raisin e il caso del curioso curato” e seguito da “Agatha Raisin e il ballo mortale”) e nel racconto troviamo un’Agatha ancora scossa e amareggiata per la fine della sua relazione con James, tanto che la donna decide che non si innamorerà mai più dell’uomo sbagliato e che è di gran lunga preferibile restare solo in compagnia dei suoi gatti. Già che è in un momento di sconforto e di messa in discussione di quanto fatto fino a quel momento, riflette anche sulla possibilità di smettere di perdere tempo dietro a stupide indagini e casi misteriosi… Probabilmente, si dice, è meglio mettersi a fare la casalinga tra un pomeriggio di giardinaggio, una chiacchera con la signora Bloxby e una delle sue tante cene pronte ripescate dal congelatore!

Nonostante tutti i suoi buoni propositi, però, l’arrivo di un nuovo affascinante vicino e la scoperta di una vecchia casa infestata dai fantasmi e ricca di passaggi segreti le faranno cambiare idea su tutti i fronti! La donna, in compagnia di Paul (il vicino di casa) inizierà a curiosare nella vita della vecchia proprietaria della casa infestata, dei suoi figli e dei suoi conoscenti. I colpi di scena si susseguono fino all’epilogo finale che porterà Agatha a domandarsi se, per caso, nel suo futuro non ci sia una brillante carriera da investigatrice privata.

Ve lo consiglio, la Beaton e la sua burbera protagonista dei Cotwolds, vi sapranno tenere incollati alle pagine del libro con le loro avventure e i loro misteri da risolvere!

Valutazione:

Manu

Agatha Raisin e i giorni del diluvio – M.C. Beaton

6185355_418397

Autore: M.C. Beaton

Titolo: Agatha Raisin e i giorni del diluvio

Genere:  Giallo popolare

Prezzo:  8,99 euro (versione ebook)  12,75 euro (versione cartacea)

Agatha Raisin e i giorni del diluvio è l’ultimo romanzo pubblicato in Italia della serie su Agatha Raisin, ironica e spumeggiante investigatrice dilettante, ideata M.Chesney, che scrive sotto lo pseudonimo di M.C.Beaton. La cinquantenne protagonista di questo e di molti altri libri della Chesney, si è trasferita dalla movimentata Londra alla placida e sonnecchiosa Carsely.

In questo episodio troviamo un’Agatha triste e demoralizzata, dopo che il suo bel vicino di casa James Lacey, diventato suo marito dopo varie peripezie della nostra protagonista, ha deciso di lasciarla per darsi alla spiritualità religiosa in un convento. Tutto sembra scorrere in modo monotono e noioso, fino a quando Agatha scorge il cadavere di una giovane donna vestita da sposa galleggiare nelle acque di un fiume. La donna decide di indagare per dare un nome a quella sfortunata ragazza e per capire chi sia stato a compiere un gesto tanto ignobile. Trovatasi da sola, poichè nessuno vuole mettersi nei guai per “giocare” ai detective insieme a lei, Agatha si cimenta nelle indagini contando solo sulle proprie intuizioni (almeno all’inizio) e, riuscendo a risolvere il caso, sperimenta una rinnovata fiducia in se stessa.

Questo libro mi è piaciuto molto, così come gli altri della Beaton che ho avuto modo di leggere ( cliccando qui troverete una mia recensione su un altro dei suoi  romanzi, Agatha Raisin e il veterinario crudele). Agatha continua a far sorridere il lettore con il suo modo di fare pratico, ironico, a volte brusco ma inconfondibile, grazie anche alla capacità dell’autrice di scrivere libri accattivanti e piacevolmente scorrevoli. La Beaton è una scrittrice di quei romanzi che io definisco “gialli all’acqua di rose” (noti ai più come “gialli popolari”), racconti con un pizzico di mistero e avventura che non focalizzano l’attenzione del lettore su intrighi al cardiopalma e non turbano il sonno la notte, ma che fanno comunque trascorrere qualche piacevole ora di lettura, senza aver nulla da invidiare ad altri libri.

Valutazione: ★★★

Manu

Agatha Raisin e il veterinario crudele – M.C.Beaton

181667

Agatha Raisin e il veterinario crudele è il secondo romanzo giallo di M.Chesney, che scrive sotto lo pseudonimo (eccone un’ altra!) di M.C.Beaton.

Agatha, la protagonista di questo e di molti altri libri della Chesney, si è trasferita dalla movimentata Londra alla placida e sonnecchiosa Carsely. Affascinata dal suo vicino di casa James Lacey, militare in pensione, e scoraggiata dai suoi continui  e fallimentari tentativi di sedurlo, progetta di tornare a vivere nella grande città. Un giorno, però, scopre che in paese è arrivato un nuovo veterinario, che ha fatto breccia nel cuore delle donne, tanto che la sua sala d’aspetto è sempre piena di signore che portano in visita i loro adorati (e all’apparenza sani) amici a quattro zampe, per poter trascorrere qualche minuto con lui. Per orgoglio femminile (e perchè spera così di attirare l’attenzione di James) Agatha porta in visita il suo gatto e esce dallo studio con un invito a cena. Qualche tempo dopo, però, il veterinario muore in seguito ad un incidente in una stalla dove si era recato per operare un cavallo. La nostra Agatha si trasformerà in una detective improvvisata e, dopo varie peripezie, riuscirà a risolvere il caso!

Recensendo questo libro sono voluta andare un po’ contro i miei schemi abituali.

L’ho fatto perchè credo che spaziare sia un valore aggiunto e non tolto. E per quanto io sia una grande amante di King e di altri scrittori del suo genere, non voglio fossilizzarmi solo su di loro. La Chesney è una scrittrice di quei romanzi che io definisco “gialli all’acqua di rose” (da altri definiti “gialli popolari”), quelli con un pizzico di mistero e avventura ma che non focalizzano l’attenzione del lettore solo su intrighi al cardiopalma e su sanguinolente descrizioni dei cadaveri, quelli che non turbano il sonno la notte, ma che fanno trascorrere qualche piacevole ora di lettura, senza aver nulla da invidiare ad altri libri.

Non è niente di sorprendente ma, se volete rilassarvi un po’ senza rinunciare al mistero, ve lo consiglio!

Manu